TREND, “TRASFERIRE IL SAPERE” Gli studenti protagonisti della didattica orientativa

Condivisione di buone pratiche, spettacoli di musica, danza e canto. Il momento conclusivo del progetto “Una rete per orientare” è stata una vera e propria festa che ha visto protagonisti i ragazzi delle terze classi delle scuole medie dell’Istituto Comprensivo Torraca-Bonaventura di Potenza, l’I.C.di Bella, dell’I.C.Luigi La Vista Potenza e Picerno-Vietri, e alcune classi delLiceo Artistico – Liceo musicale e coreutico W. Gropius di Potenza, Capofila del progetto.
Un percorso innovativo di didattica orientativa strutturato in sette laboratori, che si sono serviti della didattica metacognitiva abbinata alla teoria delle intelligenze multiple dello psicologo americano Howard Gardner: l’apice nella sesta giornata di TREND Abaco per le generazioni. Sul palco del Teatro Stabile, insieme alla professoressa Francesca Barbieri, ogni scuola ha portato il suo contributo artistico e creativo. I ragazzi, infatti, hanno potuto sperimentare con mano attitudini artistiche, musicali, coreutiche, letterarie, logico-matematiche, attraverso attività mirate per renderli maggiormente consapevoli della scelta del percorso di studi successivo.

Contemporaneamente sugli exhibition truck in Piazza Mario Pagano i ragazzi dell’Istituto Tecnico Statale Commerciale e per Geometri ''Battaglini'' sono stati coinvolti nelle varie attività di laboratorio sul tema portante della giornata: “Trasferire il sapere”. Si sono arricchite così le pareti della “House of Dreams” con frasi e pensieri come riflessioni delle attività svolte. “Mettiamoci a inventare il domani invece di preoccuparci di ciò che è accaduto ieri!”, “Spero di trovare la mia aspirapolvere nel deserto”, “Il guaio del nostro tempo è che il futuro non è più quello di una volta”, “Il mio sogno è ancora nel cassetto”, “Se non possiamo fare grandi cose, possiamo fare piccole cose alla grande”: sono solo alcuni esempi di come i ragazzi vivono il presente immaginando il loro futuro. Alcuni con le idee chiare come una studentessa che con fermezza ha detto: “il nostro paese non può crescere perché oggi contano solo le raccomandazioni”. Altri studenti si sono rivolti al mondo degli adulti e delle Istituzioni chiedendo maggiore attenzione e concretezza.

Potenza, 19 maggio 2018