Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca su approfondisci. Cliccando su "OK" presti il consenso all’uso di tutti i cookie.

La carta dell'expo

Primo rilascio periodo 1995/2014

In aggiornamento per l’edizione 3.0 TREND – ORIENTARSI AL LAVORO, 21° Edizone 2016, in fase di validazione e successivo rilascio dal Comitato Scientifico.

Edizione 2014

PRESENTAZIONE
La Carta dell’Expo è da interpretarsi come un documento aperto di dialogo, che ha l’intento di garantire la creazione di una linea guida precisa a cui orientarsi per determinare le scelte e animare il dibattito nella creazione del programma e nella realizzazione della manifestazione, che dal Sistema porti alle Azioni attraverso il lavoro e le esperienze dei componenti del Comitato Tecnico Scientifico.

OBIETTIVI STRATEGICI
a. Fornire una risposta concreta al bisogno di informazione sia con l’Evento che attraverso il Portale;
b. Creare una Rete, volano per lo sviluppo del territorio;
c. Favorire l’integrazione tra Orientamento, Formazione, Solidarietà, Cultura, Diversità, Ambiente, Scuola, Università, Politiche attive del mercato del Lavoro, Politiche Sociali, Innovazione Tecnologica, Ricerca Scientifica, Soft Economy, Politiche Comunitarie, Comunicazione Pubblica e Servizi al cittadino;
d. Favorire Azioni a supporto dello sviluppo locale, della ricerca, delle tecnologie e dei nuovi “saperi”;
e. Orientare concretamente ogni possibile azione per favorire nei giovani la scelta di restare e rendere visibili le opportunità collegate alla mobilità nazionale ed internazionale.

PROSPETTIVE
a. Favorire il dialogo e l’integrazione tra giovani studenti delle scuole medie superiori ed universitari. Più in generale tra i giovani e le diverse generazioni;
b. Raccordare insegnanti, docenti, operatori del mondo della scuola, dell’università, della formazione professionale, dei centri di ricerca, operatori in genere;
c. Stimolare un’azione di affiancamento degli istituti di credito e degli incubatori di impresa all’intrapresa e incidere sulle politiche del credito, orientandole al bisogno circa il mondo giovanile;
d. Promuovere l’incontro tra domanda e offerta attraverso il rapporto diretto tra le aziende e gli attori istituzionali preposti ai Servizi Pubblici per l’Impiego;
e. Sviluppare una cultura della comunicazione pubblica e degli sportelli informativi sui servizi al cittadino;
f. Creare con i giovani un patto di lealtà, basato sullo scambio reciproco di informazione finalizzata all’incontro tra richieste ed opportunità, per superare il mercato dell’appartenenza e animare quello della competenza;
g. Promuovere una nuova cultura dell’integrazione, che sviluppi una coscienza che generi dialogo ed opportunità con il mondo della diversabilità, dell’immigrazione, delle pari opportunità, della diversità religiosa, sociale, di genere.

FINALITA’
a. Integrazione costante del territorio con le altre realtà italiane ed europee;
b. Fornire un modello su cui sperimentare una buona pratica per la realizzazione di un laboratorio dell’intrapresa ed un osservatorio permanente finalizzato all’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro in sintonia con quanto previsto dai programmi dell’Unione Europea e del Fondo Sociale Europeo.

TEMI DEL CONFRONTO
Orientamento, Formazione, Cultura, Solidarietà, Integrazione, Diversità, Ambiente, Scuola, Università, Politiche attive del mercato del Lavoro, Politiche Sociali, Innovazione Tecnologica, Ricerca Scientifica, Soft Economy, Politiche Comunitarie, Comunicazione Pubblica e Servizi al Cittadino.

STRUMENTI
a. Forum, seminari, convegni, workshop, videoconferenze, portale;
b. Aree espositive e luoghi del dialogo;
c. Laboratori;
d. Visite guidate;
e. Cartello eventi culturali.